Italian eSports organisation

FC Gaming

Rainbow Six Siege operativo il ban automatico per linguaggio tossico

Non molto tempo fa, Ubisoft aveva promesso di fare qualcosa contro i giocatori tossici di Rainbow Six Siege, che non esitano a riempire la chat di insulti di vario, rovinando così l’esperienza di gioco per vari giocatori.
Il team di sviluppo aveva deciso di creare un sistema di ban automatico per cacciare via i giocatori che utilizzando un linguaggio inadatto. Sembra che questo sistema di ban automatico sia già operativo da qualche giorno, infatti sono già arrivati i primi ban.
L’utente enforcerdestroyer ha postato su reddit una foto del suo menù principale di Rainbow Six Siege, dove si può vedere un banner rosso che recita “Bannato per comportamento tossico“, con un timer di 27 minuti. Come Enforcerdestroyer ha confermato, il ban è stato ricevuto subito dopo aver scritto in chat testuale “una certa parola omofoba”.

Non si sanno ancora quali sono le parole che fanno scattare questo ban automatico, si sa solo che sono stati bandati molti termini omofobi, misogini e sessisti, come ci si poteva aspettare. Sembra però che le imprecazioni generali come “fu*k” siano ancora accettate.
I ban per tossicità si presentato in un nuovo paragrafo del Codice di Comportamento di Rainbow Six Siege: 30 minuti per la prima volta, due ore la seconda, due ore la terza. Dopo il terzo ban per comportamento offensivo, i responsabili di Ubisoft esamineranno l’intero comportamento dell’utente. Dopodiché, decideranno personalmente se è il caso di elargire o meno un ban permanente all’account.

 

 

 

Add Comment